Pescara, il secondo sabato pomeriggio consecutivo di lacrime all’Adriatico

Lo stadio Adriatico Cornacchia vive il suo secondo tremendo pomeriggio consecutivo di lacrime e disperazione. Appena due settimane fa si manifestava un simbolico ultimo saluto al preparatore dei portieri Franco Mancini, con minuto di raccoglimento sentissimo e abbraccio di tutti i giocatori a Zdenek Zeman che per lui il Mancio era quasi come un figlioccio. La tragedia immane della scomparsa di Pier Mario Morosini del Livorno ha sconvolto tutti, in primo luogo coloro che hanno assistito direttamente all’Adriatico il dramma dello sfortunatissimo ragazzo. Lo stadio ha dapprima invocato all’unanimità il coro “Sospendete per la partita” per poi gettarsi nello sconforto che già si poteva osservare sui volti dei giocatori amaranto.

Notizie Correlate

Commenta