Reggina-Gubbio:3-1, il digiuno amaranto è finito! Prima vittoria per Gregucci

La Reggina ci mette tanta rabbia per tornare alla vittoria, contro un Gubbio che ha diverse cartucce da spararsi in ottica salvezza. Un paradosso del calciomercato non consente a Gregucci
di schierare Cosenza, volato a Milano per una trattativa mai conclusa con l’AlbinoLeffe. Simoni
schiera una squadra camaleontica, sfruttando la duttilità di Bazzoffia e Rui.

Dopo cinque minuti, la Reggina concretizza la supremazia territoriale. Sponda no look di Bonazzoli, che pesca Campagnacci indisturbato per un destro imparabile da pochi passi, 1-0 amaranto. La reazione ospite produce due occasioni per Bazzoffia, fermato prima da Ragusa e poi dal portiere Zandrini. Gli amaranto però continuano a rendersi pericolosi.

Infatti al 29′ Ragusa penetra in area e viene steso da Caracciolo. L’arbitro tentenna, ma
l’assistente suggerisce l’assegnazione del rigore. Bonazzoli è implacabile dagli 11 metri. Gli eugubini accusano notevolmente il colpo.

Almici prova a scuotere i compagni ad inizio ripresa, ma il suo destro dalla lunga distanza viene
respinto da Zandrini. I padroni di casa si portano sul 3-0 grazie ad un colpo di testa di Freddi, ma Donnarumma protesta a ragion veduta per una carica di Angella. È il 58′, ma tre minuti dopo Rui riapre il match con una punizione magistrale.

La pioggia incessante e le sostituzioni condizionano il ritmo nell’ultima mezz’ora. Ne beneficia
la Reggina, che controlla il risultato ed ottiene un successo che mancava da novembre. Ragusa
migliore in campo, ottima l’interpretazione delle due fasi sulla fascia destra. Il Gubbio dovrà
sperare nelle prodezze del nuovo acquisto Guzman, per sperare nella salvezza.

Paolo Ficara

Notizie Correlate

Commenta